CARIFE

Beni Culturali

L’attuale nucleo urbano, ricostruito in gran parte dopo i recenti sismi, conserva poche testimonianze dell’antico borgo medievale, tra cui si segnala il settecentesco Palazzo Marchesale. L’edificio, costruito nel corso del XVIII secolo, possiede un portale archivoltato a bugnato rustico, con superiormente lo stemma dei Capobianco: vi si conservano le sale del piano superiore e del piano terra con caratteristiche architettoniche tipiche del XVIII secolo. Suggestivi anche il cortile interno e un giardino disposto su terrazzi. Tra gli altri edifici di rilievo si segnalano Palazzo Ciampone, Palazzo Addimanni e la Chiesa del Convento di San Francesco, con ricco portale lapideo con decorazioni barocche. Notevole è la Collegiata di San Giovanni Battista ubicata nell’omonima piazza: ricostruita nel 1754 seguendo i canoni tipici dello stile vanvitelliano dopo la distruzione che l’edificio subì in seguito al sisma del 1732, la chiesa mostra una facciata a capanna su due livelli con portale in pietra decorato in stile barocco e paraste laterali, mentre una monofora rettangolare si apre superiormente. All’interno, ad una sola navata, sono custoditi un polittico del 1585 della scuola di Andrea Sabatini da Salerno raffigurante la Madonna del Rosario, un dipinto parietale del Marziano del 1774 con Il trionfo della Fede, un crocifisso ligneo settecentesco, una tela di antica scuola napoletana rappresentante San Giovanni Battista, statue lignee di santi ed un artistico altare marmoreo. L’annessa torre campanaria, che si sviluppa su tre livelli, mostra monofore archivoltate all’altezza delle cella.



Museo Archeologico di Carife